Presentazione di PowerPoint

Presentazione di PowerPoint

Potenziale di membrana Il potenziale di membrana pu essere misurato introducendo nella cellula un microelettrodo costituito da una sottile pipetta di vetro riempita con una soluzione di elevata conduttivit (3 M KCl).

Il potenziale di membrana delle cellule Si distinguono due tipi di potenziali di membrana: i potenziali di equilibrio ed i potenziali di diffusione; il meccanismo ionico che li genera non sostanzialmente diverso, tanto che i primi possono essere considerati un caso particolare dei secondi. un potenziale d'equilibrio si genera quando la membrana impermeabile ad almeno una delle specie ioniche presenti e

pemeabile ad almeno unaltra, che sia in concentrazione ineguale ai due lati della membrana. Una volta stabilitosi, si mantiene indefinitamente; un potenziale di diffusione, invece, si genera quando la membrana permeabile in misura diversa a pi specie ioniche inegualmente concentrate ai suoi due lati. Non si mantiene indefinitamente, ma, in assenza di altri fattori, decade progressivamente in modo spontaneo e tende lentamente ad estinguersi.

Genesi di un potenziale di equilibrio Che valore assumer la differenza di potenziale a cavallo di una membrana (V1-V2 = Vm) quando un generico ione (i) si trova alle concentrazioni [i]1 ed [i]2 ai suoi due lati ed abbia raggiunto l'equilibrio elettrochimico? Poich si tratta di un equilibrio in cui si stabiliscono, attraverso la membrana, due flussi unidirezionali dello ione (i) di uguale

intensit e di opposta direzione, mossi rispettivamente dal gradiente di concentrazione e dal gradiente elettrico, il lavoro compiuto a spese del gradiente elettrico (We) per trasferire una Mole dello ione (i) in una direzione sar uguale e contrario al lavoro (Wc) compiuto a spese del gradiente di concentrazione per muovere la Mole in senso opposto. Perci: We = -Wc e quindi We + Wc = 0 D'altro canto il lavoro We, per la definizione di potenziale

elettrico, sar We=zi F Vm ove zi la valenza dello ione (i), F la costante di Faraday Wc invece sar: Wc = RT {ln[i]1 - ln[i]2} ove R la costante dei gas, T la temperatura assoluta, e ln[i] 1 e ln[i]2 sono i logaritmi naturali delle concentrazioni dello ione (i) ai due lati della membrana. Per lo ione (i) all'equilibrio, quindi, poich We = -Wc, si avr:

e quindi: Zi F Vm = RT {ln[i]2 - ln[i]1} RT ln [i]2 Vm = Ei = ziF [i]1 (1)

La (1) lequazione di Nernst ed esprime il concetto che allequilibrio, il flusso netto transmembranario di uno ione diffusibile nullo. Attribuendo nella 1) alle diverse costanti il loro valore numerico e trasformando i logaritmi naturali in decimali, si ha a 18 C: Ei = Vm = 0,058 {Log [i]2 /[i]1} Ne deriva che a 18 C, la differenza di potenziale varia di

0,058 Volt (58 mV) quando il rapporto tra le concentrazioni dello ione diffusibile ai lati della membrana varia di 10 volte. POTENZIALE DI DIFFUSIONE Un potenziale di diffusione si genera quando la membrana permeabile in misura diversa a pi specie ioniche inegualmente concentrate ai suoi due lati. Un potenziale di diffusione si osserva in una situazione di squilibrio elettrochimico, in cui per due o pi specie ioniche vi

un passaggio transmembranario netto di ioni nell'una o nell' altra direzione, secondo il loro gradiente di concentrazione. Esso non si mantiene indefinitamente, ma, in assenza di altri fattori, decade progressivamente in modo spontaneo e tende lentamente ad estinguersi. Genesi di un potenziale di diffusione Si possono allora cos riassumere le due condizioni necessarie

perch si generi tra i due lati di una membrana un potenziale di diffusione: 1) che esistano differenze di concentrazione (quindi gradienti chimici) che spingano ioni permeanti di tipo diverso a diffondere attraverso la membrana; 2) che la membrana sia diversamente permeabile alle specie ioni che permeanti. Riferendoci allesempio A visto prima, nel quale viene ipotizzato

un potenziale di diffusione generato dallineguale concentrazione di NaCl ai due lati della membrana diversamente permeabile al Na+ e al Cl-, allequilibrio elettrico, quando la corrente attraverso la membrana globale dei due ioni nulla, cio quando si ha luguaglianza dei due flussi ionici, FNa = FCl, il potenziale di membrana Vm pu essere descritto dallequazione: Vm = +

RT ln PNa[Na ]1 + PCl [Cl ]2 PNa[Na+ ]2 + PCl [Cl-]1 F che viene detta equazione di Goldman per il potenziale o equazione di Goldman, Hodgkin e Katz. Non potr certo sfuggire che l'equazione di Goldman per il potenziale richiama quella di Nernst

1) poich le concentrazioni degli ioni delle diverse specie sono moltiplicate per i rispettivi coefficienti di permeabilit membranale (Pi) che non figurano nell' equazione di Nernst, la differenza di concentrazione tra i due lati della membrana di ogni ione permeante avr un "peso" sul valore di Vm tanto maggiore quanto maggiore il suo coefficiente di permeabilit; in altri termini, Vm assumer un valore intermedio tra i potenziali di equilibrio voluti dalle diverse specie ioniche che sar sempre pi vicino al potenziale di equilibrio dello ione con coefficiente P pi

elevato e pi lontano da quello dello ione con coefficiente P pi basso; 2) al limite, se la permeabilit per una delle specie ioniche fosse nulla, Vm dipenderebbe solo dalle differenze di concentrazione delle altre specie; se P fosse diverso da zero solo per una delle specie ioniche, Vm coinciderebbe con il potenziale di equilibrio di questa specie e l'equazione di GHK si ridurrebbe all'equazione di Nernst.

Natura del potenziale di membrana Il potenziale di membrana origina dalla ineguale distribuzione degli ioni inorganici tra il liquido intra- ed extracellulare. In generale si ha: 1) che nel liquido extra-cellulare si trovano in maggiore concentrazione il Na+ e il Cl-; 2) che nel liquido intra-cellulare sia molto pi concentrato il K+, gli anioni sono in prevalenza Pr-

Sebbene in misura diversa, la membrana cellulare permeabile a tutte e tre le specie di ioni inorganici che si trovano inegualmente concentrate ai suoi due lati; d'altro canto facile dimostrare che il potenziale di membrana non ha il valore calcolabile con la equazione di Nernst per le concentrazioni in tra- ed extracellulari dei tre ioni (Na+, K + e Cl-). Infatti, riferendoci per semplicit al caso della fibra muscolare di anfibio e calcolando i potenziali di equilibrio dei tre ioni (ENa, EK ed ECl) in base ai valori delle loro concentrazioni esterne ed interne, si ha

ENa = + 45 mV, EK = = -102 mV, ECl = -88 mV mentre il potenziale di membrana (Vm), misurato con derivazione intracellulare nella fibra muscolare, risultato di -90 mV (interno negativo).

Il potenziale di membrana della fibra muscolare (come quello di tutte le cellule), poich generato dalla ineguale concentrazione di specie ioniche diffusibili che non si trovano all'equilibrio elettrochimico, ha i caratteri di un potenziale di diffusione; gli ioni permeanti si trovano in una condizione di equilibrio elettrico ma non di equilibrio chimico. Il suo valore quindi deve essere calcolabile con l'equazione di GHK per il potenziale applicata alle tre specie ioniche permeanti la membrana cellulare:

Vm = RT ln [K+]e PK+ [Na+]e PNa+ [Cl-]i PCl F [K+]i PK+ [Na+]i PNa+ [Cl-]e PCl Potenziale di membrana e correnti ioniche Un approccio diverso quello di considerare la membrana come un conduttore elettrico, capace di consentire il passaggio, per ciascuna specie ionica permeante (i), di una corrente ionica specifica (Ii); allora, se si accetta per

semplicit che la corrente transmembranale di ogni specie ionica ubbidisca alla legge di Ohm, la sua intensit sar pari alla differenza di potenziale che muove lo ione, moltiplicata per la conduttanza della membrana (gi) nei riguardi dello ione stesso: Ii = V gi D'altro canto la differenza di potenziale che costituisce la "driving force" dello ione i non semplicemente la differenza di potenziale

effettivamente presente ai due lati della membrana (Vm), ma pari a Vm - Ei, cio alla differenza tra il potenziale di membrana ed il potenziale di equilibrio voluto dall' equazione di Nernst per quello ione; a questo potenziale di equilibrio infatti la corrente netta dello ione i sarebbe nulla. Si avr allora che: Ii = (Vm- Ei) gi = Vm gi - Ei gi Partendo da questa relazione possibile calcolare il valore del potenziale generato a cavallo della membrana da qualunque numero di

specie ioniche permeanti, quando siano noti i potenziali di equilibrio degli ioni delle diverse specie e le rispettive conduttanze membranarie. Riferendoci alle fibre muscolari scheletriche dei vertebrati ed escludendo il cloro, avremo -una corrente di potassio, diretta dallinterno verso lesterno spinta dal gradiente di concentrazione IK = (Vm EK) gK = [-90 (-102)] gK =12 gK -una corrente di sodio diretta invece dallesterno verso linterno,

spinta sia dal gradiente di concentrazione che da quello elettrico INa = (Vm ENa) gNa = [-90 (+45)] gNa = -135 gNa E poich al potenziale di riposo INa = -IK 12 gK = 135 gNa Da ci deriva che la conduttanza per il potassio deve essere circa 11 volte maggiore di quella del sodio. Da questa semplice analisi risulta che:

ENa + gNa+ + EK g- K + Vm = gNa+ + gK + la quale esprime che la differenza di concentrazione tra i due lati della membrana di ogni ione permeante avr un peso sul valore finale di Vm tanto maggiore quanto maggiore sar la conduttanza della membrana nei suoi confronti.

Genesi e mantenimento del potenziale di membrana Nella genesi e nel mantenimento del potenziale di membrana intervengono: 1) processi ionici passivi, consistenti nella diffusione secondo gradiente attraverso la membrana cellulare degli ioni (fondamentalmente K + e Na+) che genera direttamente la differenza di potenziale ai due lati della membrana stessa; 2) processi ionici attivi, che consistono nel trasporto contro gradiente attraverso al membrana dei due ioni Na+ e K+;

questo trasporto, di direzione opposta alla diffusione dei due ioni, crea e mantiene i gradienti di concentrazione dei due ioni ai due lati della membraqa. Questo trasporto attivo operato dalla pompa ionica di scambio Na+ /K+. Flussi ionici attivi e passivi di Na e K La membrana ed i segnali elettrici Il potenziale di membrana essenziale per molte funzioni

cellulari. Il potenziale di membrana ha un ruolo fondamentale nella comunicazione di "informazione" contenuta in segnali elettrici, sia tra parti diverse di una stessa cellula, sia tra cellule vicine. La pi vistosa di queste manifestazioni elettriche "attive" indubbiamente il potenziale d'azione, quel brevissimo impulso che si propaga, ripetuto con varia frequenza, nelle fibre nervose e nelle fibre muscolari; anche i potenziali sinaptici, che si osservano nelle giunzioni interneuroniche e

neuromuscolari, nonch i potenziali recettoriali degli organi di senso, hanno il carattere di segnali ricchi di informazione. Una spiegazione del modo con cui si generano i diversi tipi di "segnali" elettrici nelle cellule eccitabili (e della loro trasmissione) richiede tuttavia la preliminare conoscenza del comportamento di una membrana cellulare quando essa sia sede di variazioni di potenziale in funzione del tempo. Occorre in altri termini studiare il potenziale di membrana non pi nelle

condizioni stazionarie fin qui considerate, ma in condizioni dinamiche. Ci realizzabile sperimentalmente quando si fa passare attraverso la membrana cellulare una corrente elettrica opportunamente regolata. Questo tipo di analisi parte dall' assunto che la membrana di una cellula sia semplicemente assimilabile ad un conduttore elettrico che presenti una

resistenza elettrica (Rm), o meglio una conduttanza elettrica (gm = 1/Rm) ed una capacit (Cm). Sia l'una che l'altra di queste due caratteristiche corrispondono ad elementi strutturali distinti della membrana plasmatica: 1) la resistenza dipende infatti dal numero e dalla permeabilit dei diversi canali ionici che attraversano la membrana e consentono il passaggio delle particelle cariche (gli ioni); 2) la capacit dipende invece dal potere che possiede il doppio strato fosfolipidico di accumulare ai due versanti membranali

due strati di ioni di segno opposto. Infatti le catene idrocarburiche dei fosfolipidi, disposte nello spessore della membrana, essendo "apolari", costituiscono uno strato isolante analogo al dielettrico di un condensatore, mentre i gruppi fosfatidici "polari" che si affacciano alle due superfici membranali (l'interna e l'esterna) possono accumulare o cedere, grazie alla loro dissociazione, cariche elettriche in modo analogo alle armature di un condensatore.

Il metodo del current clamp Le propriet elettriche passive della membrana plasmatica si possono misurare utilizzando un procedimento di tipo "ohmmetrico" noto come metodo del "blocco della corrente" (o "current clamp"), che consiste nel misurare la differenza di potenziale generata a cavallo della membrana dal passaggio di una corrente di intensit nota. A tal fine necessario infiggere nella cellula due microelettrodi: un elettrodo di stimolazione e un elettrodo di derivazione.

Schema del metodo del current-clamp (blocco della corrente) Con questo procedimento possibile studiare le caratteristiche elettriche passive della membrana cellulare sia quando la corrente che l'attraversa fluisca nel senso di depolarizzarla (cio quando l'elettrodo interno positivo rispetto alleletrodo esterno), sia quando fluisca nel senso di iperpolarizzarla (cio quando l'elettrodo interno venga reso negativo rispetto allaltro).

Si utilizzano di solito brevi correnti (di durata da 10 a 100 msec) di intensit regolabile, cio "impulsi di corrente" nei quali la corrente passa istantaneamente dal valore zero a quello che stato prescelto ed altrettanto istantaneamente viene interrotta. Impulsi di questo tipo sono detti "rettangolari" per l'aspetto del diagramma che ne rappresenta l'andamento temporale. Linizio e la fine di ciascun impulso sono definiti da due

"gradini di corrente" (o "steps") di uguale ampiezza e di direzione opposta, separati da un "pianerottolo" in cui la corrente fluisce con intensit costante. Un esempio dei risultati ottenibili con la tecnica del "current clamp" riportato nella figura stessa, ove sono illustrate in funzione del tempo le variazioni del potenziale di membrana (il Vm) durante il passaggio di due " impulsi rettangolari" di corrente di uguale intensit (Im), uno in senso depolarizzante

(A) ed uno in senso iperpolarizzante (B); si noter subito che, in corrispondenza del "gradino" iniziale di ogni impulso, le variazioni del potenziale di membrana (C e D) non s'instaurano istantaneamente, ma raggiungono il loro valore definitivo con legge esponenziale crescente; analogamente, in corrispondenza del "gradino" finale dell'impulso, il potenziale di membrana ritorna al suo valore di riposo con un andamento esponenziale decrescente, speculare al primo.

Questo comportamento della membrana cellulare di fronte al passaggio di un "gradino di corrente" coerente con quello di un circuito equivalente in cui ad una resistenza (Rm) collegato in parallelo un condensatore (Cm). Ai terminali (A e B) comuni di Rm e Cm (corrispondenti all'esterno ed all'interno della membrana) sono idealmente collegati: da un lato lo strumento che misura le differenze di potenziale a cavallo della membrana (millivoltmetro), e dall' altro il generatore degli impulsi di corrente.

Come avverrebbe in un circuito di questo genere, anche nella membrana cellulare la corrente erogata dal generatore (Im) si divide in due componenti: una componente resistiva (IR = Vm/Rm, che percorre la resistenza membranale (Rm) e determina una variazione del potenziale ai suoi capi, ed una componente capacitiva (IC = Cm dVm/dt), che va a caricare la capacit membranale (Cm).

Al "gradino" iniziale di un impulso di corrente tutte le cariche portate dalla corrente costante andranno a caricare la capacit Cm; IC sar massima ed IR minima. In seguito, man mano che Cm si carica, IC si riduce ed aumenta IR; di conseguenza aumenta la differenza di potenziale ai due lati della membrana, (Vm) finch, quando Cm sar completamente caricato al valore corrispondente al "pianerottolo" dell'impulso, tutta la corrente (Im) passer attraverso Rm. IR allora sar massima ed IC nulla, e Vm raggiunger un valore finale stazionario (Vf) che verr mantenuto finch dura il passaggio della corrente.

La legge temporale con cui Vm si modifica, partendo dal valore iniziale (V0) per raggiungere il valore finale (Vf), definita dalla seguente relazione esponenziale: t Rm Cm) Vm=V0 + (Vf V0) (1- e Al "gradino" finale dell'impulso, il generatore cessa di erogare corrente e Vm si estingue secondo la seguente relazione

temporale t Rm Cm) Vm=V0 + (Vf V0) (e Il prodotto RmCm che figura all' esponente delle equazioni prende il nome di "costante di tempo" () della membrana, ed il suo valore esprime la maggiore o minore velocit con cui Vm raggiunge il valore finale Vf al "gradino" iniziale

dell'impulso di corrente, e ritorna al valore V 0 al "gradino" finale. (RmCm) ha le dimensioni di un tempo ed numeri camente pari al tempo necessario affinch, al gradino iniziale dellimpulso, Vm aumenti di un valore pari al 63% di (Vf-V0) oppure, al gradino finale, discenda al 37% di (Vf-V0). La resistenza membranale (Rm) e la capacit membranale (Cm), possono essere dedotti dalla registrazione di Vm durante l'erogazione anche di un solo impulso di corrente di

cui sia nota l'intensit (Im). Infatti se anche per la membrana cellulare vale la legge di Ohm come per il circuito equivalente, il valore di Rm sar uguale al rapporto (Vf V0)/Im o) quando Vm abbia raggiunto il suo valore finale (Vf) al "pianerottolo" dell'impulso di corrente. Nota Rm, potr essere calcolata anche Cm deducendola dal prodotto RmCm, cio ad esempio dal tempo necessario perch Vm raggiunga il 63% di (Vf-V0) al "gradino" iniziale dell'impulso di corrente.

Utilizzando il metodo del "current clamp" possibile determinare, anche con un solo impulso di corrente, il valore della conduttanza membranale (gm = l/Rm) nei limiti in cui la membrana cellulare come conduttore ubbidisce alla legge di Ohm; ci significa assumere che il valore di gm sia costante ed indipendente dalla intensit della corrente Im che attraversa la membrana. Ci purtroppo non si realizza nel caso di molte cellule.

Propriet elettriche passive e attive della membrana I potenziali di azione Nel potenziale dazione si distinguono due fasi: -fase di DEPOLARIZZAZIONE -fase di RIPOLARIZZAZIONE

La legge del tutto o nulla Genesi ionica del potenziale di azione Gli studi di Hodgkin ed Huxley con il metodo del voltage clamp sullassone gigante di calamaro hanno permesso di capire quali sono gli ioni coinvolti nella genesi del potenziale di azione. Il potenziale dazione si genera in seguito a una

depolarizzazione grazie alla presenza di : - canali ionici voltaggio dipendenti nella membrana - gradienti elettrochimici di ioni tra cellula e ambiente extracellulare Canale per il K+ Canale con una porta o cancello Canale per il Na+

Canale con due porte o cancelli Il canale del Na voltaggio dipendente ha due porte: di attivazione e di inattivazione. SEQUENZA DI EVENTI DURANTE IL POTENZIALE DI AZIONE Al potenziale di riposo il cancello di attivazione chiuso In seguito ad una depolarizzazione liminare la porta di attivazione si

apre velocemente, il sodio entra nella cellula e depolarizza fino a invertire la polarit della membrana, il potenziale tende al valore del potenziale di equilibrio del Na La depolarizzazione della membrana fa chiudere la porta di inattivazione si chiude. Un canale inattivato non pu aprirsi se la membrana rimane depolarizzata.

Lapertura di canali per il K+ determina fuoriuscita di potassio e la ripolarizzazione della membrana K K+ Durante la ripolarizzazione le due porte del sodio ritornano alle posizioni originali. Quando il potenziale di membrana ritornato al valore del

potenziale di riposo anche la porta del canale del K si chiude. K+ RIASSUMENDO La depolarizzazione della membrana provoca 1. Un rapido aumento della gNa (attivazione), seguito da 2. un suo declino dovuto ad un secondo processo

chiamato inattivazione della gNa 3. un lento aumento della conduttanza al K (attivazione) Il potenziale dazione E la risposta ad uno stimolo depolarizzante che possono dare cellule elettricamente eccitabili, cio provviste di un corredo di canali ionici voltaggio-dipendenti per il Na+ e per il K+ Significato funzionale:

Nei neuroni segnale elettrico che propagandosi lungo la fibra nervosa consente la trasmissione di messaggi elettrici Nelle fibrocellule muscolari innesca il processo della contrazione Caratteristiche generali del potenziale dazione La soglia Lo stimolo soglia lo stimolo depolarizzante di intensit minima in grado di generare un potenziale dazione in un neurone

La legge del tutto o nulla In un neurone un potenziale dazione generaro e si sviluppa in tutta la sua ampiezza se lo stimolo raggiunge o supera la soglia, oppure non generato affatto, se lampiezza dello stimolo inferiore alla soglia. La refrattariet Un neurone, una volta generato un potenziale dazione viene a trovarsi in uno stato di refrattariet

- periodo di refrattariet assoluta: nessuno stimolo per quanto intenso in grado di generare un secondo potenziale dazione - periodo di refrattariet relativa: un secondo stimolo, a condizione che sia sufficientemente pi intenso di quello soglia, in grado di generare un secondo potenziale dazione

Recently Viewed Presentations

  • Mekanisme Kerja Obat Fase/Nasib Obat Dalam Tubuh Fase ...

    Mekanisme Kerja Obat Fase/Nasib Obat Dalam Tubuh Fase ...

    tempat kerja (reseptor) terikat bebas depot jaringan terikat bebas sirkulasi sistemik obat bebas obat terikat metabolit absorpsi ekskresi metabolisme/ biotransformasi 1.fase absorpsi : faktornya kelarutan obat: cair - padat kemampuan berdif. melintasi memb.
  • Crime Fiction: A History, II Sir Arthur Conan

    Crime Fiction: A History, II Sir Arthur Conan

    Chandler and Hammett - Black Mask - pulp magazine. The PI - Sam Spade and Phillip Marlowe. The dark side of society - criticism of the US. Strong first person narratives. Film noir. Ended the era of the omniscient and...
  • Chapter 12- Fiscal Policy

    Chapter 12- Fiscal Policy

    Fiscal policy- policies for government expenditure and revenues Government expenditure- recurrent and capital or development expenditure Government revenues- tax and non tax revenues including surpluses from public enterprises and domestic and foreign borrowing In developing countries- Ministry of Finance is...
  • Effective Block Classroom Instruction

    Effective Block Classroom Instruction

    Arial Calibri Arial Narrow Office Theme Effective Block Classroom Instruction Slide 2 Slide 3 Robert Canady Canady's 3-Step Lesson Plan The Most Important Phase? Step 1: Explanation Step 2: Application Step 3: Synthesis Three-Part Lesson-Design Explanation Phase Application Phase Ideas...
  • Engaging Employers: Models of Good Practice in Professional

    Engaging Employers: Models of Good Practice in Professional

    [email protected] and [email protected] Presentation Social Work Partnership - Skills for Care and CWDC supported by GSCC Background Research elements and process Early thoughts Why involvement What do you think?
  • All about College Slang Slang and modern tribalism:

    All about College Slang Slang and modern tribalism:

    As Pam Munro, the linguist, says, "Movies still play a role in slang. The major movie that had an impact on this volume [of college slang, from 2001] was 'Austin Powers: The Spy Who Shagged Me.' Austin Powers really popularized...
  • Natural Selection Lab - Mrs. Basepayne's Science Spot

    Natural Selection Lab - Mrs. Basepayne's Science Spot

    Why is it better to use the class averages from the results for creating a graph and answering the questions, rather than only using your own data? For this experiment, is it better to use a bar graph or a...
  • MOST FREQUENTLY CITED SERIOUS VIOLATIONS CONSTRUC TION INDUSTRY

    MOST FREQUENTLY CITED SERIOUS VIOLATIONS CONSTRUC TION INDUSTRY

    3 feet a. bove . l. anding. Eye & face Protection - Use of appropriate protection. Fall Protection - Unprotected sides & edges. Fall Protection- Training for those exposed to fall hazards. Head . Protection - Use of protection. Aerial...