Quando Il Funzionamento Attentivo È Atipico

Quando Il Funzionamento Attentivo È Atipico

QUANDO IL FUNZIONAMENTO ATTENTIVO ATIPICO Dott.ssa Marta Sella PSICOLOGA - PSICOTERAPEUTA COGNITIVO COMPORTAMENTALE Collaboratrice AIFA Associazione Italiana Famiglie ADHD GENI E AMBIENTE PREDISPOSIZION E FAMILIARE AMBIENTE LO SVILUPPO DELLE AREE PREFRONTALE: LE FUNZIONI ESECUTIVE Maturazion e della corteccia prefrontale

Inizia primi mesi di vita BABY TALK Inizia primi mesi di vita Bambino < 6 a. IMPARA a svolgere attivit senza distrarsi aiutandosi VERBALMENTE Tratto da Di Vara, Vicari, FUNZIONI ESECUTIVE E DISTURBI DELLO SVILUPPO Maturazione raggiunta in et

adolescenzial e Et scolare, IMPARA a svolgere attivit in silenzio con il DIALOGO INTERNO, riflette, si interroga, segue regole e istruzioni IMPARA a regolare lattenzione, le emozioni, porsi scopi, rimanere orientato allo scopo COSA SONO LE

FUNZIONI ESECUTIVE funzioni corticali superiori DEPUTATE A.. CONTROLLO PIANIFICAZIONE DEL COMPORTAMENTO PROGETTAZIONE DI PIANI DI AZIONE MON ITOR AGGI O Tratto da Di Vara, Vicari, FUNZIONI ESECUTIVE E DISTURBI DELLO SVILUPPO, pag. 10 AUTO REGOLA ZIONE CAPACITA

DI INIBIRE LA RISPOSTA PIANIFICA ZIONE ORGANI Z ZAZION E ATTEN ZIONE REGOLA ZIONE DELLE EMOZION I

FUNZIONI ESECUTIVE (R. Barkleys) CAPACITA DI INIZIARE UN ATTIVITA MEMORIA DI LAVORO LE FUNZIONI ESECUTIVE ESEMPIO CAPACIT DI CONTROLLARE STIMOLI NON RILEVANTI RISPETTO AL COMPITO PRINCIPALE Non ascolto e non mi alzo a guardare chi taglia il prato mentre la maestra fornisce le istruzioni Inibizione per eseguire il disegno (INHIBITION)

CAPACIT DI MANTENERE LE INFORMAZIONI IN MEMORIA PER POTERLE ELABORARE (PROCESSARE, LAVORARE, MANIPOLARE) Memoria Riesco a fare il disegno seguendo le indicazioni date dalla maestra di lavoro (WM) CAMBIARE PROSPETTIVA, ESSERE FLESSIBILI, ADATTARSI IN BASE AI CAMBIAMENTI AMBIENTALI, CAMBIARE COMPORTAMENTI Flessibilit Il lavoro quasi terminato ma suona la campanella dellintervallo. La maestra dice che dobbiamo finire il lavoro, riordinare e poi possiamo alzarci, io continuo a lavorare cognitiva (SHIFTING) Tratto da Di Vara, Vicari, FUNZIONI ESECUTIVE E DISTURBI DELLO SVILUPPO, pag. 10 AT T E N Z I O N E E S V I L U P P O AT I P I C O Aree prefrontali (aree di coordinazione) funzionano in maniera meno efficiente

Funzioni delle aree prefrontali: Fissare lobiettivo Attivare gli strumenti Controllare altri strumenti Verificare il raggiungimento dellobiettivo Unorchestra senza direttore - https:// www.youtube.com/watch? v=cYHflpObK ADHD: LE CAUSE NEUROBIOLOGICHE Pool di geni implicati nella

produzione di dopamina Ridotta disponibilit di dopamina D. Fedeli, Mio figlio non riesce a stare fermo, ed. Giunti 2018 Ipofunzionalit delle are prefrontali Comportamenti caotici e disorganizzati LADHD un disturbo neurobiologico diagnosticabile che, se non viene correttamente trattato, pu incidere pesantemente

su tutti gli aspetti della vita dei bambini e delle loro famiglie TEMPO LIBERO SCUOL A CASA Il bambino ADHD NON HA meno abilit MA ha un problema di controllo (problema aree prefrontali) Linee guida SINPIA; ADHD: diagnosi e terapie farmacologiche. Approvazione CD: 24 Giugno 2002 ADHD: FATTORI AGGRAVANTI Ambiente caotico Fattori prossim ali PREDISPOSIZIONE GENETICA E

NEUROBIOLOGICA Fattori distali D. Fedeli, Mio figlio non riesce a stare fermo, ed. Giunti 2018 Attivit poco strutturate Relazione con il bambino Eccessivamente punitiva Intrusiva e controllata Stress del care giver Condizioni socioeconomiche Isolamento sociale Situazioni emotive difficili ADHD: UNA NUOVA MODA?

Fidgety Phil vs IL METODO CIABATTA 1846 H. Hoffmann The Story of Johnny Head-in-the-Air 1902 George Still (Londra) descrive sintomi simili allADHD Rivista scientifica Lancet descrizione di bambini con problemi di attenzione, iperattivit e ridotta autoregolazione comportamentale. Ipotesi di base organica 1937 Bradley usa benzedrina per il disturbo ipercinetico 1932 Kramer & Pollnow (Berlino) descrivono il disturbo ipercinetico 1954 Panizzon sintetizza il metilfenidato (MPH) 1962 Lesione & disfunzione cerebrale minima (MBD) 1966 Clements e Peters (USA) caratterizzano il deficit attentivo infantile 1980 Disturbo da deficit di attenzione Iperattivit (DSM-III) ADD/H 1987 Disturbo di attenzione con iperattivit (DSM-IIIR) ADHD 1994 1992 LICD-10 distingue il disturbo ipercinetico HKD 1994 Il DSM-IV aggiorna i criteri ADHD/ ADD Intervista clinica Genitori

Scale Conners Scale comportamentali CBCL Colloquio diagnosi osservazione diretta Scale Conners Scale comportamentali Bambino CBCL Intelligenza Attenzione Test normativi Problem solving Fluenza verbale Colloquio

Apprendimenti Insegnanti Scale comportamentali Scale Conners La diagnosi di ADHD di competenza del NEUROPSICHIATRA o di altri OPERATORI DELLA SALUTE MENTALE con specifiche competenze sulla diagnosi e terapia dellADHD e si basa sulla raccolta di informazioni fornite dai genitori e dagli insegnanti e sullosservazione e valutazione clinica del bambino da parte dello specialista COS LADHD ? DSM V Fattore temperamentale Fattore ambientale

Fattori genetici e fisiologici Modificatori di decorso FATTORI DI RISCHIO Attivit motoria eccessiva fin dai primi mesi di vita Disattenzione invalidante nel periodo scolastico Rischio di comportamenti antisociali in et adolescenziale Compromissioni in et adulta SVILUPPO/DECORSO

Disturbo da deficit di atenzione/iperattivit Malfunzionamento di alcune aree prefrontali del cervello (circuiti prefrontali striati) Compromissione parziale del sistema frontalelimbico DISTURBO DEL NEUROSVILUPPO ADHD Attention Deficit Hyperactivity Disorder M A N U A L E D I AG N O S T I C O E S TAT I S T I C O D E I D I S T U R B I M E N TA L I

SOTTOTIPI SECONDO IL DSM V 314.02 + F90.2 Disattenzio ne/ Iperattivitimpulsivit TIPO COMBINATO 314.00 F90.00 Disattenzio ne DISATTENZIONE PREVALENTE 314.01

F90.1 Iperattivit/ impulsivit IPERATTIVITA/ IMPULSIVITA PREDOMINANTE SINTOMI PRIMARI DELLADHD IMPULSIVITA IPERATTIVITA DISATTENZIONE DISATTENZIONE DISATTENZIONE IN ATTIVITA SCOLASTICHE Difficolt a prestare attenzione ai particolari

Difficolt a selezionare le informazioni necessarie per svolgere un compito Difficolt a mantenere lattenzione su compito/attivit Commette errori banali (di distrazione) Non sembra ascoltare LAVORI INCOMPLETO Fatica ad organizzarsi nei compiti o nelle attivit Non segue le istruzioni e non porta a temine i compiti assegnati Lavori/lavoretti poco curati Lavori e compiti non portati a termine Fatica a lavorare per lungo tempo su un compito con frequenti cambi di attivit

Disordine e disorganizzazione / perde oggetti DIFFICOLTA NELLE RELAZIONI SOCIALI/GIOCO Non segue le regole di un gioco Vuole fare solo giochi in cui lui decide le regole, ma sono nella sua mente Fatica a seguire i discorsi dei compagni Sbadato nelle attivit quotidiane (dimentica di fare le cose, di prendere appuntamenti, sbrigare faccende e commissioni) LATTENZIONE:

funzione che REGOLA lattivita dei processi mentali FILTRANDO E ORGANIZZANDO le INFORMAZIONI provenienti dallambiente allo scopo di EMETTERE UNA RISPOSTA ADEGUATA (Ladavas,Berti NEUROPSICOLOGIA, ed. Il Mulino, 1995) DIVERSI TIPI DI ATTENZIONE SELETTIVA Discrimina tra stimoli del mondo e stimoli che possono accedere nel focus attentivo FOCALE

Gradiente attentivo, insieme delle informazioni che vengono elaborate in modo approfondito MANTENUTA Sforzo cognitivo prolungato. Capacit di mantenersi in allerta SALIENZA (disegno vs parole) TIPO DI COMPITO (compito divertente) Marzocchi, Molin, Poli, ATTENZIONE E METACOGNIZIONE, ed. Erickson 2000 DIVISA

Attenzione impegnata su pi compiti (es. auto) DIVERSI TIPI DI ATTENZIONE SHIFT Spostamento del focus attentivo Direzione varia con et (novit per il neonato, esperienza per bambino, volont per ragazzo/ adulto) Lo sguardo non ci comunica il focus attentivo ATZ e MEMORIA Per ricordare devo prestare attenzione

Marzocchi, Molin, Poli, ATTENZIONE E METACOGNIZIONE, ed. Erickson 2000 ATTENZIONE MOTIVAZIONE COMPRENSIONE Quello che dico chiaro e compreso? Motivazione: E in grado di farlo? Che valore ha questa attivit?, che convinzione ho di me e dellapprendimento? Impulsivit DIFFICOLTA DI AUTOREGOLAZIONE Del comportamento/ emozioni Si agita, batte mani e piedi, lascia il proprio

posto, scorrazza e salta, sotto pressione, parla troppo, spara le risposte DSM IV (American Psychiatric Association) IMPULSIVITA DIFFICOLTA AD INIBIRE RISPOSTE AUTOMATICHE Fatica a rispettare il proprio turno Interrompe gli altri INCAPACITA DI PREVEDERE LE CONSEGUENZE DI UNAZIONE Non riesce ad evitare situazioni pericolose

Iperattivit IPERATTIVITA < 6 ANNI > 6 ANNI Continua agitazione Difficolt a rimanere seduto Eccessiva attivit motoria e verbale Corre per la casa avanti e indietro arrampicandosi anche sui mobili Il bambino fatica a stare seduto a tavola per tutta la

durata del pasto, fatica a stare seduto davanti alla televisione. incapacit a stare fermo, difficolt a impegnarsi in una ADOLESCENZA ADULTI Diminuiscono le manifestazioni delliperattivit e la loro intensit. Rimane un senso di irrequietezza Difficolt a impegnarsi in una attivit per un DOVE LATIPICITA? INADEGUATI Rispetto allet

AD INSORGENZA PRECOCE Prima dei 7 anni PERVASIVI Espressi in diversi contesti (casa, scuola, ambiente gioco, catechismo) SIGNIFICATIVAMENTE INTERFERENTI CON LE ATTIVITA QUOTIDIANE Sintomi secondari Insuccess o scolastico / DSA Ansia Tratti oppositiv i provocat

ori Difficolt sociali e nelle relazioni Bassa autosti ma Depres sione FE: CARATTERISTICHE PRESCOLARI DELLADHD INIBIZIONE Non in grado di attendere le consegne per un gioco e/o unattivit Non riesce a bloccare comportamenti de-finalizzati o disturbanti Si fa distrarre da stimoli esterni RIGIDITA DI COMPORTAMENTI Ha difficolt ad adattarsi a cambiamenti di gioco

Ha difficolt a partecipare ad attivit ludiche di gruppo Emette gli stessi comportamenti anche se errati RIDOTTA AUTO-CONSAPEVOLEZZA E DISREGOLAZIONE EMOTIVA Ha difficolt a descrivere i comportamenti in corso e le proprie preferenze costantemente smanioso e insofferente facilmente eccitabile e irritabile Daniele Fedeli, Individuazione precoce, 21 novembre 2015, corso OS MATERNA

Non lavora Non finisce i lavori Non sta seduto Massimo grado di iperattivit Crisi di rabbia (tempeste affettive) Litigiosit, provocatoriet Assenza di paura, tendenza a incidenti Comportamenti aggressivi Disturbo del sonno ELEMENTARI MEDIE

SUPERIORI Distratto Difficolt di organizzazione sia dei materiali scolastici che dello studio Iperattivit e impulsivit ridotta con possibile miglioramento della condotta Fatica a rimanere seduto Non autonomo nello studio

Primi due anni rendimento buono-ottimo, poi un progressivo calo dei voti in proporzione alle difficolt e al carico scolastico Calo del rendimento verso la met/fine del quadrimestre dovuto alla incapacit di gestire il carico di lavoro e lo stress Possibile miglioramento scolastico se il ragazzo

supportato nellorganizzazion e dello studio Non porta a termine i compiti assegnati Problemi nella Rischio di abbandono scolastico elevato Problemi a scuola 3 aree Apprendimen to Motivazion e

INTERVENTI BAMBIN O PSICOEDUCAZIONE FARMACOTERAPIA TCC FAMIGLIA PSICOEDUCAZIONE PARENT TRAINING SCUOLA PSICOEDUCAZIONE TRAINING PER GLI INSEGNANTI LINTERVENTO Insegnare tecniche comportamentali Tecniche cognitive utili per la gestione del

bambino Creare un ambiente facilitante Con la SCUOL A con il BAMBINO Sviluppare abilit di autoregolazione Migliorare lattenzione Imparare strategie scolastiche per apprendere Sviluppare abilit sociali SCOPO DEGLI INTERVENTI TERAPEUTICI DIMINUIRE I COMPORTAMENTI DIROMPENTI E INADEGUATI (TECNICHE DI RINFORZO/ESTINZIONE, STRATEGIE DI AUTOCONTROLLO, PROBLEM SOLVING, )

MIGLIORARE LE RELAZIONI INTERPERSONALI (GENITORI, FRATELLI, COETANEI,) ABILITA SOCIALI MIGLIORARE LE CAPACIT DI APPRENDIMENTO SCOLASTICO INSEGNAMENTO E USO DI STRATEGIE COMPENSATIVE AUMENTARE LE AUTONOMIE ORGANIZZAZIONE DEL TEMPO/ATTIVIT/MATERIALI/GESTIONE SOLDI MIGLIORARE/RAFFORZARE LAUTOSTIMA PUNTI DI FORZA E PUNTI DI DEBOLEZZA MIGLIORARE LACCETTABILIT SOCIALE DEL DISTURBO E LA QUALIT DELLA VITA DEI BAMBINI. ESSERE UNA FAMIGLIA SERENA LE ALTERAZIONI FUNZIONALI E LE SUE CONSEGUENZE A CASA A casa limpatto dellADHD si ripercuote

su tutta la famiglia I genitori pensano di Fratelli e/o sorelle del non esser capaci di bambino/adolescente svolgere il loro con ADHD soffrono compito in quanto il per il comportamento loro figlio non dirompente e spesso rispetta le regole vengono trascurati familiari e non si dai genitori comporta in maniera adeguata Rakesh Jain et al, Journal of Clinical Psychiatry, JCP Visuals, vol 5 (6) July 2003 LE ALTERAZIONI FUNZIONALI E LE SUE CONSEGUENZE A SCUOLA Non sono capaci di portare a termine i

loro obiettivi accademici. Possono essere puniti per i loro comportamenti dirompenti. Potrebbero avere bisogno di un insegnante di sostegno/educatore Non tengono il passo dei loro compagni di classe Se hanno raggiunto la scuola superiore, spesso la abbandonano. Rakesh Jain et al, Journal of Clinical Psychiatry, JCP Visuals, vol 5 (6) July 2003 LE ALTERAZIONI FUNZIONALI E LE SUE CONSEGUENZE IN SITUAZIONI SOCIALI I bambini e gli adolescenti con ADHD : Vengono costantemente ripresi e/o puniti per i loro comportamenti Possono avere difficolt a legare con i coetanei Tendono ad essere distruttivi o aggressivi Sono rifiutati dai compagni di gioco e dai coetanei Vengono cos isolati e/o emarginati

Lintera famiglia soffre a causa del disturbo del figlio perch non pi coinvolta nelle attivit sociali con amici e parenti CARATTERISTICHE DEI BAMBINI/RAGAZZI CON ADHD Poco popolare Non particolarmente antipatico Non cercato dai coetanei In grado di farsi amicizie ma non in grado di mantenerle a causa dellimpulsivit Tende ad imporsi aggressivamente nel gioco (litiga, si azzuffa) Evitato dagli altri bambini Escluso dai giochi CARATTERISTICHE DEL GIOCO DEL BAMBINO ADHD IL BAMBINO CON ADHD si immerge nel gioco con entusiasmo, esprime contenuti adeguati

ma non sa metterli in pratica, incapace di rispettare le regole, se si cambia il gioco accetta, quasi sempre, con entusiasmo D. Fedeli, GIOCO E ADHD, corso OS GIUNTI, Milano 2015 D. Fedeli, GIOCO E ADHD, corso OS GIUNTI, Milano 2015 CAUSE DEI PROBLEMI RELAZIONALI Difficolt nelle: Abilit di partecipar e a diverse attivit in maniera adeguata Abilit a fare

richieste in modo corretto Abilit a fare complimen ti Queste abilit si sviluppano nel gioco sociale in et prescolare e nel gioco della finzione. Il bambino iperattivo sperimenta gi in et prescolare le prime delusione nella relazione e perde lacquisizione di elementi essenziali per un adeguato sviluppo sociale.

Relazioni insoddisfacenti Iperattivit Impulsivit NON DIPENDONO DA Eccessiva loquacit MA DIPENDONO DA Poca attenzione agli indizi sociali ed emotivi forniti da altri Scarse abilit sociali Uso inadeguato degli approcci sociali Poca considerazione degli stati emotivi altrui Inadeguata consapevolezza degli effetti del proprio comportamento sia a breve che a lungo termine Scarsa empatia Non comprensione del feedback

NE CONSEGUE Non in grado di assumere il punto di vista degli altri Non in grado di capire lintenzionalit del comportamento degli altri Reagisce con sorpresa ai diversi atteggiamenti di adulti e coetanei LE ALTERAZIONI FUNZIONALI E LE CONSEGUENZE SU S STESSI

Lautostima dei bambini/adolesce nti con ADHD compromessa dal giudizio negativo degli insegnanti, della famiglia e dei coetanei Gli individui con ADHD, si sentono spesso rifiutati e non amati Rakesh Jain et al, Journal of Clinical Psychiatry, JCP Visuals, vol 5 (6) July 2003 Si vedono come poco intelligenti e non hanno fiducia in se stessi Spesso la

mancanza di autostima porta ad un comportamento di autodistruzione Il bambino con disturbo da deficit di attenzione/iperattivit non un insieme di sintomi da ridurre, di comportamenti da rieducare, di abilit cognitive suscettibili di essere modificate: prima di tutto un bambino che chiede di essere ascoltato e accettato. Grazie! (Tironi, Marzocchi, pag. 143 Rivista disturbi dellattenzione e iperattivit 4/2 aprile 2009) DOTT.SSA MARTA SELLA [email protected]

Claudio Vio, Gianmarco Marzocchi, Francesca Offredi, Il bambino con deficit di attenzione/iperattivit. Diagnosi psicologica e formazione genitori, Erickson, 1999 Cesare Cornoldi, Marina Gardinale, Laura Petten, Annalisa Masi, Impulsivit e autocontrollo. Interventi e tecniche metacognitive, Erickson, 1996 Cesare Cornoldi, Tiziana De Meo, Francesca Offredi, Claudio Vio, Iperattivit e autoregolazione cognitiva, Erickson, 2001 BIBLIOGRAFIA Roletto Ezio, La scuola dell'apprendimento. Didattiche disciplinari, modelli e applicazioni operative, Erickson, 2005 Berthe Reymond Rivier, Lo sviluppo sociale del bambino e dell'adolescente, La nuva italia, 1970 E. Mc Ginnis, A.P. Goldestein, R.P. Sprafkin, N.J. Gershaw, Manuale di insegnamento delle abilit sociali. Per l'alunno con problemi di comportamento o ritardo mentale lieve, Erickson, 1998 Celi Fabio, Psicopatologia dello sviluppo. Storie di bambini, Mc Graw Hill, 2002 Garry Martin, Joseph Pear, Strategie e tecniche per il

cambiamento. La via comportamentale, Mc Graw Hill, 2000 Patricia H. Miller, Teorie dello sviluppo psicologico, Il Mulino, 1992 R.j. Resnick, Impulsivit, disattenzione e iperattivit nelladulto, ed. Mc Graw-Hill, 2000 D. Fedeli, C. Vio, ADHD, Iperattivit e disattenzione a scuola, ed. Giunti OS, 2015 D. Fedeli, Il disturbo da deficit di attenzione e iperattivita. Ed. Carrocio, 2013 D. Fedeli, Mio figlio non riesce a stare fermo, ed. GiuntiEdu, 2018 C. Neuhaus, Gli adolescenti iperattivi e i loro problemi, ed. AIFA onlus, 2010 BIBLIOGRAFIA R. A. Barkley, Prendersi cura dellADHD, ed. AIFA Onlus, 2011 D. Fedeli, Il disturbo della condotta, ed. Carrocci, 2011 Luisetti E., Lassessment, Appunti corso di specializzazione in Psicoterapia Cognitivo Comportamentale Istituto Watson Torino Borgo, della Giusta, Sibilla, Dizionario di psicoterapia cognitivocomportamentale, ed. McGrawHill, 2001 Silvia Bonino, a cura di, Dizionario di psicologia dello sviluppo, Einaudi, 1994

Di Pietro, Bassi, Filoramo, Lalunno iperattivo in classe. Problemi di comportamento e strategie educative, Erickson, 2001 E.A. Kirby, L.K. Grimley, Disturbi dell'attenzione e iperattivit. Guida per psicologi e insegnanti,Erickson, 1986 http://www.aiditalia.org www.aifaonlus.it Unorchestra senza direttore https://www.youtube.com/watch?v=cYHflpObK SITOGRAFIA La sindrome dei monelli https://www.youtube.com/watch?v=fP4LIOUTJy c https://www.youtube.com/watch? v=yOzfHP_ryVY

Recently Viewed Presentations

  • Use Cases and Use Case Diagrams - University of Hawaii

    Use Cases and Use Case Diagrams - University of Hawaii

    For each step, identify its triggers and its inputs and outputs Typical Questions Asked Activities Ask the user to execute the process using the written steps in the use case - that is, have the user role-play the use case...
  • Outline of argument (so far) - 2/11/15

    Outline of argument (so far) - 2/11/15

    Agenda. Advance Beneficiary Notice Overview. Opportunities and Risks of a Simple Form. ABN Processes and Stakeholders. Capitalizing on Opportunities. This content is for general information purposes only, and should not be used as a substitute for consultation with professional advisors
  • Mankiw 5/e Chapter 6: Unemployment

    Mankiw 5/e Chapter 6: Unemployment

    Unemployment from real wage rigidity The minimum wage in the real world: In Sept 1996, the minimum wage was raised from $4.25 to $4.75. Here's what happened: Labor unions Unions exercise monopoly power to secure higher wages for their members....
  • Folie 1 - Frankfurt

    Folie 1 - Frankfurt

    Die Tuberkulose (TB), früher auch Schwindsucht genannt, ist keine Krankheit der Neuzeit, sondern trat schon zu Zeiten der Ägypter auf. Um 460 v. Chr. war die Tuberkulose weit verbreitet und verlief meist tödlich.
  • English 126 - Green River College

    English 126 - Green River College

    It is said that the characters are what make a story come alive - not the plot, theme, imagery, or the twists. It is the characters that we remember long after we have read a story that speaks to us....
  • GRID AND CLOUD COMPUTING Cloud Computing Hardware, Software

    GRID AND CLOUD COMPUTING Cloud Computing Hardware, Software

    Background:Cloud Computing in a Nutshell Cloud Computing. Applications delivered as services over the Internet . Hardware and systems software in the datacenters provide those services.
  • Fractal Analysis of Rain Fields for Communications System

    Fractal Analysis of Rain Fields for Communications System

    Systems currently in operation deal with this problem by allocating a fixed fade margin. However, for higher frequencies this is economically unfeasible as the fade margin required to provide a set quality of service becomes too high. For this reason,...
  • Youve Got Shipping Needs. Weve Got Shipping Solutions.

    Youve Got Shipping Needs. Weve Got Shipping Solutions.

    For Express pickups you can schedule online or call 1-800-463-339 . FedEx Ground . for cost-effective ground delivery to businesses. 1-800-463-3339 or scheduled on fedex.com.** Pickup is the next business. Fedex.Com. technical Support 1-877-339-2774 option 1. Fedex International 1-800-247-4747. Fedex...